lunedì 16 novembre 2015

GioVedi ti penso ancora.....

Era il tempo delle  tue colazioni con Nutella. Mangiavo altro io, anche se non ricordo cosa. Di me a quel tempo, ricordo te. E niente altro. Erano le tue risate in differita a riempire l'aria. Si, ridevi così, un passo dopo la battuta, dopo esserti lisciato la barba e messo dei puntini sospensivi, come quando si sorseggia un buon vino e bisogna prendersi il giusto tempo per lasciare che i sentori si diffondano sulle papille. Ho sempre amato quel tuo modo di ridere quasi ragionato, di uno che non ride a caso per qualunque cosa, anche se non ne vale la pena. Ho amato molte cose di te. Il pudore che hanno solo i bambini è un'altra cosa che mi manca, nonostante scandagli spesso l'animo umano che mi circonda, non riesco a trovarlo, non più, non in qualcuno. Ho amato anche la tua paura travestita da integerrima dirittura morale. Eri l'eroe, non potevo che metterci una morbida coperta attorno. Penso e ripenso, a colori. Nulla è sbiadito. La sciarpa è nell'armadio insieme a tante altre cose che hanno scritto una pagina di storia. Chiudo gli occhi e m'incanto ancora, senza ruggine.
Il tempo aiuta chi vive la vita.

A B. che mi ha fatto ripensare a mille cose.

PuntoG

6 commenti:

  1. A te, G,
    Che mi fai ripensare a mille altre cose ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È buona cosa ricordare il bello. Ciao Pim

      Elimina
  2. Il tempo aiuta chi vive la vita...oh si....

    RispondiElimina
  3. hai una scrittura piacevole, puntuale e delicata (ho letto un po' di cose), ma una frase così sintetica e lampante, così piena di significato nella sua candida enunciazione (Di me a quel tempo, ricordo te) l'ho incontrata raramente.
    un inchino,
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Massimo/Carlo per essere passato da qui ed aver letto. La frase è un pezzo di cuore...
      A presto

      Elimina