sabato 25 agosto 2012

Calura

Scivola e riempie
solchi di pianto
e ragnatele di sorrisi.

l' acqua straborda
dai pori,
diventa goccia:
una, tante.

Il fiume fa ragnatele
sul tuo volto
e s'infila
nei solchi del tempo.

L'occhio
cade sull'indice.
L'unghia una distesa,
di fiori bianchi.

Sorridi e ti guardo.
«Ma tu, quanti anni hai?»

PuntoG

3 commenti:

  1. mi commuove, e noi saprei dire perchè. poesia, dunque!

    RispondiElimina
  2. L'ho scritta commossa.
    Buon sole
    PuntoG

    RispondiElimina
  3. L'ho scritta commossa.
    Buon sole
    PuntoG

    RispondiElimina